Warning: include(/web/htdocs/www.cenacoloartistiaretini.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.cenacoloartistiaretini.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(/web/htdocs/www.cenacoloartistiaretini.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.cenacoloartistiaretini.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.cenacoloartistiaretini.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php/') in /web/htdocs/www.cenacoloartistiaretini.it/home/wp-load.php on line 94
VALENTINO BRUSCHI ESPONE ALLE ” GIUBBE ROSSE” DI FIRENZE | Il Cenacolo degli Artisti Aretini

11895269_10206448998417251_1110130243516398367_oE’ questo un periodo di soddisfazioni per alcuni Artisti del Cenacolo.

Il primo ad aver avuto il giusto riconoscimento per i suoi sforzi è il nostro Valentino Bruschi che, dal 29 agosto al 18 settembre 2015 espone in una mostra personale presso il prestigioso Gran Caffè Ristorante “Le Giubbe Rosse” di Piazza della Repubblica, a Firenze.

L’esposizione, a ingresso libero e gratuito, inaugurerà sabato 29 agosto alle ore 18 con un drink/buffet offerto ai presenti e sarà visitabile nei giorni e orari di apertura al pubblico del caffè storico-letterario per antonomasia.

L’iniziativa è inserita nel calendario di “Artisti e autori alle Giubbe Rosse” a cura del giornalista e scrittore Jacopo Chiostri, che interverrà nel corso del vernissage.

LA MOSTRA
La prima personale di Valentino Bruschi a Firenze è l’occasione per osservare una ventina di opere che ripercorrono oltre trent’anni di ricerca.
Quella dell’aretino d’adozione è una pittura non tradizionale, che entra nel cerchio della fantasia e si mescola al genere astratto, cercando di dialogare sempre con nuovi linguaggi ed espressioni.

In continua evoluzione, l’arte di Bruschi ha come prerogativa l’accostare materiali – carta, cartone, iuta – attraverso i collage e i colori quasi puri, usando da quelli a olio agli acrilici, dagli smalti ai pastelli, per continuare con le chine e gli acquerelli, al fine di esaltare al massimo gli effetti e le cromie delle sue composizioni.

Nel celebre caffè fiorentino, dove sono passate le più importanti tendenze letterarie e artistiche del Novecento italiano, Bruschi presenterà un compendio dei temi e delle tecniche che in questi anni ha sperimentato. Opere tratte dai cicli “Paesaggi dell’Apocalisse”, “Geometrie di colore”, “Collage” e “Arte astratta e informale” arricchiranno così le pareti dello storico locale fino al prossimo 18 settembre, segnando una nuova e importante tappa nel percorso artistico dell’autore.
www.giubberosse.it